Via Vivaldi, 10 - 42100 - Reggio Emilia - Italy - Tel. e Fax 0522/382252 - P.IVA 01606900353 


Orario apertura Planet Music:

CHIUSO LUNEDI' TUTTO IL GIORNO E MARTEDI' MATTINA
APERTO DALLE 10,00 ALLE 13,00 E DALLE 15,30 ALLE 19,30
SABATO ORARIO CONTINUATO 10-19

 LA SEZIONE CATALOGHI VIENE AGGIORNATA 2 VOLTE A SETTIMANA CON CENTINAIA DI NUOVI ARRIVI !!!

Facebook Da oggi puoi seguire il Planet Music anche su Facebook. Aggiornamenti quotidiani con tutte le attività del negozio, gli ultimi arrivi in vinile, cd, dvd



.:.

.:.

ACQUISTIAMO I VOSTRI
CD, LP E DVD !

SE HAI DISCHI 33 giri, 45 giri o CD IN PERFETTO STATO da vendere, invia una lista dettagliata autore e titolo (no foto) e ti risponderemo velocemente.
Possibilmente dai 50 pezzi in sł

Ti faremo due valutazioni: quella in contanti e quella in buoni acquisto.


.:.
INFO LINE
0522 382252

.:.
VENDITA PER CORRISPONDENZA

.:.
OLTRE 50.000 LP
OLTRE 10.000 MIX
MIGLIAIA DI 45 GIRI
ANNI 50/60/70/80/90

.:.
ATTENZIONE:
NELLA DESCRIZIONE DEL DISCO NON COMPARE PIU' IL TIPO DI VINILE (SIG, N O P) PERCHE' TUTTO IL MATERIALE E' PARI AL NUOVO.
TUTTI I DISCHI SONO COPERTI DA GARANZIA

.:.
AL PLANET MUSIC TROVATE 4 IMPIANTI STEREO PER ASCOLTARE TUTTI I DISCHI CHE VOLETE!

.: musica classica

ETICHETTE DI MUSICA CLASSICA ORIGINALI ANNI 60 - 70

ARION
I dischi stampati dalla Arion francese sono di buon livello sia per le esecuzoni che per la qualità delle incisioni, prediligono il repertorio francese e si assestano su cifre che dovrebbero a mio avviso non oltrepassare i 5-7 euro. Leggermente inferiori come incisione gli Arion italiani (che infatti propongo a 4 euro) anche se risultano interessanti molti titoli del catalogo (autori minori o opere minori di autori celebri), difficilmente reperibili altrove.

ARCHIV

Fanno parte della famiglia Deutsche Gram. ma la qualità dell'incisione è quasi sempre ottima e superiore ai Deutsche, sia nelle stampe anni '60 (difficili però da reperire perfette) che in quelle '70 (prima apribili in tre parti con copertine grigio-carta da zucchero, successivamente con copertine bianche apribili in due parti) per arrivare ai digitali anni '80 che suonano sempre meglio dei digitali delle altre etichette.
Molto cercati per la doppia qualità dell'incisione e delle esecuzioni, presentano un catalogo francamente sbalorditivo per chi ama la musica del '500, '600 e '700, spesso eseguita su strumenti d'epoca da musicisti di altissimo livello, molto attenti dal punto di vista filologico e dal gusto sopraffino.
Sono dischi piuttosto ambiti che io propongo, ovviamente se come nuovi, sui 7-9 euro (fine '70 e '80) per arrivare agli 11/13 euro degli originali di primi /metà '70. Li valgono. Personalmente, da grande amante di Bach e di tuto il barocco, li ritengo il top sia per i cofanetti che per gli gli lp.

CBS/COLUMBIA

Forti di un catalogo vasto ed estremamente affascinante, i dischi CBS non riscutono un grande consenso da parte degli audiofili, in particolare quelli di stampa italiana. Le stampe americane anni '60 (i famosi COLUMBIA con LABEL rosso-nera con 6 occhielli) suonano molto bene ma è impresa ardua trovarli perfetti. Nei '70 anche le stampe U.S.A. calano di qualità sia nelle edizioni a prezzo pieno, sia in quelle ODISSEY leggermente più economiche. Grandi solisti, direttori ed orchestre incontrano il favore degli amanti della classica e si vendono bene sui 5-6 euro. Qualche eccezione per gli orignali primi '60 con musicisti imperdibili, dai 9 agli 11 euro.

DECCA (LONDON, ARGO, OISEAU-LYRE)
Senza dubbio una delle etichette più cercate, se non la più cercata in assoluto.
Gli originali anni '60 e '70 delle serie SXL 2000 e 6000 sono fra i dischi che suonano meglio in assoluto ma sono ambiti anche i Decca Ace Of Diamond, gli ARGO (sottoetichetta che si occupa di Barocco e Antica) e gli Oyseau-Lyre (splendidi).
Qualità elevata delle incisioni e musicisti di prim'ordine creano un catalogo dove praticamente è impossibile sbagliare. Occhio però alle stampe italiane e francesi che spesso non suonano a livello delle inglesi (o americane se parliamo di LONDON).
Su internet vedrete che i DECCA "come nuovi"( MINT) raggiungono cifre piuttosto elevate (spesso oltre i 25/30 euro con punte oltre i 50) soprattutto gli SXL. Personalmente li vendo dai 8-9 euro (Decca Ace of Diamonds) ai 16/19 di un SXL se è come nuovo. Difficilmente li trovate sul nostro sito. Vengono venduti in pochi giorni.
Molto amati anche i DECCA/LONDON PHASE 4 per la musica orchestrale ed easy-listening il cui catalogo però è vasto e non sempre all'altezza delle chicche che ci riservano le orchestre di Edmundo Ros, Ted Heath e Stanley Black. Effettivamente questi dischi esaltano l'impianto hi-fi ai massimi livelli grazie ad una brillantezza ed a una presenza incredibili. Dai 5,6 euro dei dischi meno interessanti musicalmente ai 13/18 di quelli più belli, originali anni '60, immacolati.

DEUTSCHE GRAMMOPHONE
Su questi dischi le opinioni non sono concordi ed il motivo credo sia da imputare ad un catalogo vastissimo che comprende anche incisioni storiche ovviamente "datate" e non brillanti. Mi riferisco ai DEUTSCHE GALLERIA e i RESONACE che vanno annoverati fra i più interessanti per le esecuzioni degli anni '50 e '60 pur restando linee economiche (che propongo a 3-5 euro).
I dischi DEUTSCHE originali (con etichetta TULIPANI fino al 1970 se non sbaglio) suonano solitamente bene, in alcuni casi molto bene, mantenedo un buon livello per tutti gli anni '70. Unica eccezione può essere fatta per i dischi in cui Karajan entra in sala di incisione e non contento passa anche dietro al banco del mixer...
Le stampe italiane come immaginerete sono leggermente inferiori ma quasi sempre, anche da noi arrivavano gli originali tedeschi che propongo dai 7 ai 9 euro, se perfetti, con punte di 11 per i Deutsche originali anni '60 immacolati.
Gli amanti della musica classica posseggono spesso centinaia di Deutsche Grammophone. Non si può dargli torto.

EMI
Se gli EMI anni '60 erano fra i dischi migliori del mercato( e valgono senza dubbio almeno 8-9 euro), non possiamo dire la stessa cosa negli anni '70. In Inghilterra il livellodelle stampe resta alto, mentre da noi cala. Nei '70 si trovavano soprattutto le stampe EMI italiane e francesi, con copertine bordate di rosso. Dischi con Interpreti di grande valore (forti di un catalogo vasto ed esaustivo) non sono supportati da una degna qualità dell'incisione, quasi sempre inferiore a quella degli ottimi Deutsche grammophone anni '70 contro i quali si scontravano sul mercato. Per questo motivo li propongo a 5/6 euro per scendere a 3/4 nelle linee economiche EMI STUDIO e EMI HISTORICAL ARCHIVES.

HARMONIA MUNDI/ASTREE/BASF
Racchiudiamo in un unico trio un TRIS D'ASSI composto da etichette straordinarie per qualità delle incisioni e del catalogo.
L'Harmonia Mundi è attualmente fra le etichette più ambite dagli audiofili e dagli amanti della musica antica. Diffilissimo reperire questi dischi a cifre ragionevoli (sotto i 20 euro) in quanto le tirature sono decisamente basse. Assolutamente delizioso il catalogo ache annovera perle di rara bellezza del '300, '400, '500 e '600 sia di polifonia (sacra e profana) che di musica strumentale eseguita su strumenti d'epoca dai migliori musicisti francesi e non. Stessa cosa vale per gli ASTREE che vantano pochi dischi all'attivo ma splendidi.
I Basf tedeschi suonano altrettanto bene, nella classica e nel jazz restano fra i migliori mai stampati ed annoverano splendide escuzioni. Attenzioni alle stampe italiane che non hanno niente da spartire con gli Harmonia Mundi francesi e con i basf tedeschi.

MELODIA
Quest'etichetta russa è molto amata dagli appassionati di musica classica anche se non sempre la qualità delle incisioni è all'altezza di quella musicale. Solisti straordinari (pianisti, violinisti, etc.), grandi direttori e orchestre non reperibili su altre eticchette la rendono molto interessante; a tal punto che la EMI e la ANGEL hanno stampato o ristampato negli anni '70 molti titoli tratti dal catalogo MELODIA russo. Pur essendo dischi non facili da reperire non raggiungono quotazioni elevate in quanto vengono "snobbati" (a mio avviso erroneamente) da molti audiofili. Nel corso degli anni ho constatato che chi si avvicina all'etichetta scoprendo, ad esempio, gli straordinari pianisti della scuola russa, continua a cercarli ed acquistarli. Personalmente li valuto circa 5 Euro se perfetti originali russi anni '70. Quotazione leggermente superiore (7/8 Euro) per i MELODIA/EMI ed i MELODIA/ANGEL di stampa inglese o americana.

PHILIPS
Premetto che parlare obbiettivamente di questa etichetta olandese mi risulta difficile in quanto la adoro. Musicisti e orchestre inarrivabili abbinati a incisioni quasi sempre brillanti e toccanti fanni del vasto catalogo di lp PHILIPS uno dei più ambiti. Difficile reperire gli originali anni '60 in perfetto stato. Dalla fine degli anni '60 a tutti gli anni '70 posso garantire una altissima qualità sia delle esecuzioni che delle incisioni. In particolare ritengo imperdibili i cofanetti e gli lp dedicati alla grande musica del '600 e del '700, l'integrale di Vivaldi eseguita dai Solisti Veneti diretti da Scimone, l'integrale dei Quartetti di Mozart e di Beethoven eseguita dal Quartetto Italiano, senza trascurare l'800 con direttori, orchestre e pianisti (come Brendel, Arrau o Harasiewicz) di massimo livello.
Quello che affascina da subito è la cura del dettaglio, a partire dalle copertine cartonate solitamente più spesse e robuste delle altre etichette (pensate forse per durare in eterno) per arrivare al vinile inciso con altissima qualità, con timbrica e profondità impressionanti.
Chi ama la musica classica e lirica cerca la miglior esecuzione possibile abbinata alla miglior incisione: per questo motivo i PHILIPS (anni '60 e '70) sono dischi ambiti, non blasonati come i Decca (per fortuna di chi non ha un portafloglio sempre pieno) e che io propongo dai 8/9 euro (anni '70) fino ai 11/13 di un originale (sempre perfetto) anni '60.
Lussuose le edizioni francesi "Tresors Classique" che pure suonano bene. Un pelo meno bene i Philips italiani che non sono comunque molto diffusi. Il catalogo PHILIPS arrivava da noi in veste originale olandese.
Discontinua la FONTANA line economica della Philips, sempre in veste infelice (tutti con confezione grigia) in cui troviamo belle musiche non sempre incise come ci si augura. Un 3 euro a disco mi sembra onesto.

RCA
Chi ha letto il gustoso libro di Stefano Rama "I Dischi dell'età dell'oro" (edizioni Voltaire) ha tentato, se non lo aveva già fatto, di mettere mano ai mitologici RCA LIVING STEREO di stampa U.S.A.
I prezzi raggiungono spesso le stelle e, come lui stesso ammette, non sempre la qualità musicale segue quella dell'incisione. Relativamente più semplice reperire gli RCA anni '60 italiani (VICTOR, VICTROLA o RCA PYE) che suonano a mio avviso bene e vantano un catalogo vasto ed affascinante che racchiude in particolare bellissime musiche orchestrali dirette da personaggi come Toscanini, Barbirolli, Fiedler, Solti etc. Di recente ho rilevato una collezione di questo tipo: bellissime copertine colorate e cartonate rigide con quadri celebri, vinile pesante, buona incisione, con i migliori solisti dell'epoca che rendono i dischi RCA dalla fine degli anni '50 ai primi '70, molto apprezzati. Il giusto prezzo credo sia sui 8/10 euro se veramente perfetti, in quanto reperire questi dischi degli anni '60 in condizioni perfette non è impresa da poco. Successivamente la qualità cala e dai primi '70 il mio prezzo si assesta sui 5/6 euro anche per le serie GOLD e RED SEAL. Resta alto il livello musicale ma le stampe italiane da metà anni '70 non sono molto amate dagli audiofili.

SUPRAPHON/HUNGAROTON/QUALITON
Uniamo per comodità le tre etichette dei paesi dell'est (Cecoslovacchia, Polonia, Ungheria). Considerati da sempre dischi "economici" con incisioni poco brillanti, racchiudono autentiche perle dal punto di vista musicale. Nei paesi dell'est la cultura musiale è sempre stata decisamente più profonda e genuina rispetto all'occidente; non sorprende pertanto di scoprire straordinari solisti ed ottime esecuzioni orchestrali dirette in modo egregio. Certamente sono dischi che non sono incisi con il supporto tecnico disponibile ad esempio in casa Deutsche Gram. o in casa Philips ma credo che chi ama la musica debba possedere qualche disco dell'est, magari di polifonia sacra (dove i Supraphon riservano sorprese anche per l'ottima incisione) o della Landowska al clavicembalo.
Prezzo dai 3 ai 5 euro che premia chi ama la musica.

TURNABOUT/NONESUCH/VOX
Dischi incisi negli Stati uniti negli anni '60 e '70 che sfoggiano un catalogo molto vasto ed interessante, con moltissime opere minori, opere inedite, materiale raro ed autori ingiustamente poco conosciuti. Gli esecutori sono spesso sconosciuti o poco conosciuti in Europa e le incisioni non brillano per qualità. Per questo motivo sono dischi che si vendono sui 5 euro (sempre se perfetti) e che fanno la gioia di chi vuole scoprire ed ampliare la propria cultura musicale.
N.B.
Ii questo articolo si parla di dischi originali anni '60 e '70 senza arrivare alle produzioni successive.
E' infatti risaputo che con l'avvento del "digitale" tutte le etichetto perdono in qualità. Tutti i dischi digitali delle varie etichette sono a mio avviso vendibili non oltre 5/6 euro, massimo 7 per un Decca. Oltre non andrei.